.
Annunci online


Diario


27 aprile 2010

La mozione del PD e la fuga del PDL

di Francesco De Luca*
Sinceramente da un’opposizione che si definisce propositiva e costruttiva ci aspettavamo un gesto diverso. E invece ieri, durante la lettura in consiglio del testo della mozione “contro l’incenerimento e per una nuova politica dei rifiuti”, proposta dal gruppo PD, i colleghi della minoranza hanno abbandonato l’aula; un abbandono a nostro giudizio doppiamente grave, sia nel merito della questione che nel metodo, per citare un’espressione cara al capogruppo Simone Turini. Quanto al metodo si deve rilevare che il testo oggetto della mozione prima di arrivare in consiglio aveva già effettuato ben due passaggi: in quarta commissione e in conferenza dei capigruppo. Perché allora i colleghi di minoranza non hanno proposto i dovuti emendamenti in tali sedi se ritenevano il testo “strumentale”? Già in altre occasioni dove si richiedeva l’unanimità – non ultima la recente mozione sul difensore civico – questa maggioranza ha sempre cercato un dialogo con l’opposizione, rendendosi disponibile a modificare e ad integrare il testo. Evidentemente al Pdl piace più la spettacolarizzazione del “gesto eclatante” che il confronto costruttivo nelle sedi istituzionali opportune. Infine, nel merito, sembra quasi che il gruppo di minoranza abbia ormai gettato la spugna sulla faccenda dell’inceneritore, abbandonandosi alla strada - di certo più facile - del fatalismo: più volte infatti Simone Turini ci ha ricordato che i giochi sono fatti e che il nostro atto di indirizzo per una nuova politica dei rifiuti non serve a nulla. Il gruppo consiliare PD, al contrario, è sempre più convinto che si debba continuare la battaglia, perché la difesa del territorio e il patto sottoscritto con i cittadini valgono molto di più della sterile polemica maggioranza-opposizione. Infine, respingiamo la banale equazione tra pd locale e pd provinciale: il fatto che nel nostro partito ci siano differenze è un segnale di vitalità e di intelligenza. La democrazia interna è infatti il punto di inizio di ogni grande democrazia e – a giudicare dallo svolgimento della direzione nazionale del Pdl – non ci sembra che la cosa possa definirsi reciproca.

*Capogruppo PD Follonica


23 aprile 2010

Contro la soppressione del difensore civico

Il Consiglio Comunale di Follonica ha approvato all'unanimità la mozione contro la soppressione dell'ufficio del difensore civico.
Ecco il testo che ha visto per una volta unite maggioranza e opposizione:


Premesso:

-Che con la legge di conversione del D.L. n. 2 del 25/01/2010 “per ilcontenimento della spesa pubblica i Comuni devono provvedere alla soppressionedel difensore civicocomunale”;

-Che la stessa Legge prevede che le funzioni del difensore civico comunalepossono essere attribuite, mediante apposita convenzione, al difensore civicodella Provincia nel cui territorio rientra il relativo Comune, che assume ladenominazione di “difensore civico territoriale”;

-Che le sopra richiamate disposizioni “si applicano, in ogni Comune interessato,dalla data di scadenza dei singoli incarichi dei difensori civici (…) in esserealla data di entrata in vigore della legge”.

 

Considerato:

-Che nel nostro Comune l'istituto della Difesa civica è attivo concretamente dadodici anni, con risultati positivi e significativi, come emerge anche dalleRelazioni annuali presentate;

- Che illavoro svolto in questi mesi dalla Conferenza dei Capigruppo e dalla 1°Commissione Consiliare, finalizzato ad adeguare, aggiornare ed integrare ilRegolamento del Difensore Civico, soprattutto nella parte riguardante il ruoloe le funzioni del Difensore Civico, aveva definito un nuovo testo che puòrappresentare un contributo avanzato e per certi versi sperimentali davalorizzare.


Il Consiglio Comunalechiede:

-Che la definizione del ruolo istituzionale del Difensore civico territorialesia debitamente approfondita in sede di discussione e approvazione del nuovoCodice delle Autonomie, che è la sede propria per dare organicità ad unistituto che nel nostro paese non ha mai avuto un chiara definizione giuridica,caratterizzato da una eccessiva eterogeneità di fini e di modelliorganizzativi;

 

Il Consiglio Comunalechiede altresì:

-Alla Regione Toscana che svolga il ruolo che le compete per la salvaguardiadella difesa civica nella nostra regione.

-Alla Giunta Provinciale di Grosseto di istituire l'Ufficio del Difensore Civicopresso la propria sede istituzionale, così come previsto dalla normativanazionale.

- AllaPresidenza del Consiglio Comunale di Follonica di valorizzare l'esperienza inmateria di Difensore Civico inoltrando alla Provincia il testo di questamozione e della bozza di Regolamento elaborata, così che il Comune di Follonicaabbia parte attiva la definizione del nuovo “ Difensore civico territoriale”,per non disperdere professionalità e competenze acquisite in questi anni dipositiva esperienza.


30 settembre 2009

A Follonica ottimo risultato della mozione Marino

Su e giù per le Colline Metallifere: ho stretto molte mani, ho incontrato vecchi compagni e antiche conoscenze, ho ascoltato molto e credo di aver detto qualcosa. La mozione Marino partiva battuta in partenza, specie in una zona in cui  è forte il richiamo all'ordine, ma non ci siamo dati mai per vinti, abbiamo lottato con le armi della trasparenza e della dialettica, spinti dal contagioso entusiasmo di Mirjam, la nostra giovane coordinatrice sempre presente e puntuale. E' stato faticoso, certo, ma proprio per questo anche esaltante. Nessuno si aspettava che riuscissimo ad essere presenti in ogni circolo della provincia, invece ce l'abbiamo fatta. E' stata una bella sorpresa che per noi, nati appena due mesi fa, vale una vittoria.
Nel pellegrinaggio congressuale ho accompagnato Vinicio a Boccheggiano ed ho scoperto che gli anni sono passati inesorabilmente anche sui colli montierini, ma non è venuta meno l'abitudine di allinearsi: niente dibattito e tutti in fila per il voto. Stessa cosa è avvenuta, con maggiore o minore intensità, in tutti i circoli in cui ho presentato la mozione: Bagno di Gavorrano, Massa Marittima, Prata, Gavorrano, Casteani, Scarlino Scalo.
A dire il vero a Bagno si è discusso, ma con riferimenti troppo localistici. A Massa, invece, il dibattito mi è parso un rituale celebrato in un santuario, con interventi precisi ma routinari. Molto meglio Gavorrano, Prata e Casteani: pochi discorsi ma fatti con il cuore. A Casteani, tra l'altro, ho avuto l'opportunità di confrontarmi con Marcello, amico e compagno di tante battaglie, approdato sul fronte Franceschini.  Inutile dire che ha vinto lui: Franceschini 4 voti, Marino 2. Ma entrambi abbiamo perso sonoramente da Bersani che si è assicurato 13 voti. Dibattito vero a Scarlino Scalo, con un confronto tra le mozioni molto articolato. Male Follonica dove, nonostante la grande partecipazione al voto e l'ottimo risultato di Marino, non siamo riusciti a sviluppare una parvenza di dibattito.
Va sottolineato che in tutti i circoli del nostro territorio le presentazioni delle mozioni sono state prive di acrimonia, con i relatori attenti a non minare l'unità del partito, e là dove si è discusso i toni sono stati pacati e costruttivi. Come presentatore della mozione Marino ho ricevuto sempre molti complimenti, qualche pacca sulle spalle e pochissimi voti. Ma ogni voto conquistato è stato un voto strappato a logiche più grandi di noi. In fin dei conti volevamo porre all'attenzione del partito alcuni temi trattati troppo spesso con sufficienza: laicità, diritti, energie rinnovabili e nucleare, trasparenza e democrazia interna, il merito come valore fondante della sinistra. Oggi possiamo dire che anche questo obiettivo è stato centrato. 

Il podio dei 20 congressi della zona replica quello
nazionale: 1° Bersani  (62,9%,), 2° Franceschini (28,09), 3° Marino 8,7%. Però Bersani e Marino crescono rispetto alla media nazionale, rispettivamente + 6,4% e + 1%, mentre Franceschini cala di un vistoso 7,7%.  Nelle Colline Matallifere Bersani e Marino migliorano anche rispetto al dato complessivo della provincia di Grosseto, rispettivamente + 1,3% e + 1,7%, male Franceschini che perde il 3%. 
Ma se al dato della zona togliamo quello del circolo Follonica 1, dove Marino ha conquistato uno straordinario quanto atteso 25,8%, il dato assume un altro significato:  Bersani balza oltre il 66% con il 4,5% in più rispetto alla media provinciale, Franceschini scende al 27,5% (-3,7%) mentre Marino scivola al 6,1 (-0,7) andando sotto al dato nazionale.
La prima lettura dei risultati locali ci dice che dove eravamo presenti con un Comitato attivo e funzionante abbiamo ottenuto molto più di una presenza simbolica. Poi ci sarebbe da ragionare sulla forza di orientamento esercitata dai maggiorenti del partito, quasi tutti schierati con Bersani, che ha avuto un grande peso soprattutto nell'entroterra collinare. Una forza che spesso si è manifestata in modo discutibile. Ma preferisco fermarmi qui, non ho nessuna intenzione di alimentare polemiche. Anche perchè, nella maggior parte dei casi, si è trattato di peccati veniali.
E poi non è ancora finita: il 25 ottobre ci sono le primarie e il nostro obiettivo è quello di lavorare, in piena trasperenza, per migliorare ulteriormente il buon risultato dei congressi. Ce la possiamo fare con l'impegno e la volontà, dando voce ai tanti elettori democratici che sentono il bisogno di un profondo rinnovamento di metodi, uomini e strategie.

La foto di Ignazio Marino è tratta da ignaziomarino.it


8 settembre 2009

Bagno di folla per Ignazio Marino a Grosseto

L’intervento del sen. Ignazio Marino alla festa del PD di Grosseto, lo scorso 4 settembre, unico candidato nazionale a recarsi nel capoluogo maremmano, ha suscitato entusiasmo e consensi in un pubblico attento e numeroso. Il senatore ha spiegato con estrema chiarezza gli obiettivi del suo programma, parlando di problemi concreti come la scuola, la sanità,la crisi economica. Ha anche detto di avere chiesto agli altri candidati di intervenire insieme su problemi di particolare emergenza, come il lavoro, l’informazione e l’infiltrazione criminale nel basso Lazio.
Ha riscosso notevole interesse il suo modo nuovo di intendere il PD, che, oltre a essere libero da metodi poco trasparenti, deve esprimersi dalla base al vertice, che ne dovrà rispettare le scelte con una voce sola.
Nel corso dell'iniziativa sono state raccolte nuove adesioni, che vanno da semplici cittadini iscritti al partito e no, a Giovanna Nuvoletti, fotografa-giornalista e scrittrice, alla coordinatrice di un circolo cittadino  ed alcuni dei promotori dell’Ulivo. Molto nutrita la pattuglia di Follonica, con la giovane Mirjam Giorgieri, la consigliera provinciale Sabrina Gaglianone, il musicista Stefano "Cocco" Cantini, il capogruppo in Consiglio Comunale Francesco De Luca, il Presidente del Consiglio Andrea Benini, i consiglieri comunali Elisabetta Sabatini e Luigi Cacialli. Giusto per citarne alcuni.

La prossima iniziativa si terrà domenica 13 settembre alle ore 16 e 30 alla Festa del PD sulle mura, con un attivo della mozione a cui parteciperanno Simone Siliani, candidato alla segreteria regionale e Daniela Lastri, coordinatrice regionale, seguito da un incontro con Siliani alle 18.

sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Sviluppo Sostenibile
I Parchi della Città
Vela e Mare
Lavoro e Impresa
Città, cittadini, cittadinanza
Appuntamenti, incontri, iniziative
Passato e Presente
Viva l'Italia

VAI A VEDERE

Simone Gesi
Gruppo Vela
Eleonora Baldi
Leonardo Marras
Francesco De Luca
Alessandra Sensini
Claudio Saragosa
Comune di Follonica
Proloco Follonica
Provincia di Grosseto
Zadig


Welcome

Benvenuta - Benvenuto

Avviso ai Naviganti - Disclaimer

I commenti sono sempre graditi, qualunque sia il loro contenuto. Ogni visitatore si assume personalmente la responsabilità di ciò che scrive. Saranno cestinati i commenti anonimi e quelli che contengono ingiurie o spam.

il blog Follonica non è una testata giornalistica ed il suo aggiornamento non avviene a cadenze regolari. il blog Follonica non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Il contenuto dei post, ad esclusione di immagini e filmati, può essere riprodotto senza limitazioni per scopi non commerciali, purchè se ne citi la fonte. Nel caso di pubblicazione su altri blog o siti web è gradito un link al post originale.

Se vuoi pubblicare immagini o filmati coperti da copyright © invia una richiesta motivata all'indirizzo postadizadig@yahoo.com, risponderò tempestivamente.

Immagini, filmati e i brani musicali presenti su questo blog (quando non appartengono all'autore) appaiono tramite link agli oggetti originali. Le fonti sono sempre citate. Se il loro uso viola i diritti d'autore siete pregati di comunicarlo e provvederò alla rimozione.

Buona Navigazione

 
 
 Follonica

stai ascoltando:

Gato Barbieri "Encontro"

 

Statistiche

nano counter

Questo Blog aderisce a:

 

Amici nella blogsfera

Contatti

lcacialli@comune.follonica.gr.it

Collegamenti

 

Aggregatori

Add to Technorati Favorites  BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

  http://www.wikio.it

 

 

 

CERCA